Menu Chiudi

Benvenuti sul sito della Fondazione Monasteri

2020

Nel corso dell’anno vorremmo continuare le riflessioni iniziate con l’articolo  Perché muoiono i monasteri?

Chi avesse riflessioni ed esempi da rendere noti, ce li può inviare.

900° anniversario di fondazione dell’Abbazia di Tiglieto

Dom Lepori, Omelia della 23.a Domenica del T.O. - 6 settembre 2020

Letture: Ezechiele 33,1.7-9; Romani 13,8-10; Matteo 18,15-20

Per commemorare il 900° anniversario della fondazione di questo primo monastero cistercense in Italia, le letture di questa Domenica calzano a pennello, perché ci parlano di vigilanza, di amore fraterno e di unità nella preghiera grazie alla presenza in mezzo a noi di Gesù Cristo. Per cosa esistono infatti i monasteri se non per assicurare nella Chiesa e per il mondo un ministero di sentinelle e per creare luoghi di vera comunione nella carità fraterna e nella preghiera, cioè luoghi in cui si accoglie dallo Spirito Santo il dono e la responsabilità di tener viva nella storia della Chiesa la grazia della prima comunità cristiana, quella che il dono della Pentecoste nel Cenacolo di Gerusalemme ha formato e animato.

Per questo mi sembra importante che all’occasione di questo giubileo di Tiglieto cerchiamo di rinnovare alla luce della parola di Dio la coscienza di cosa significhi vigilare, amare fraternamente e pregare, così come Gesù ci chiede e dona di farlo.

“O figlio dell’uomo, io ti ho posto come sentinella per la casa di Israele. Quando sentirai dalla mia bocca una parola, tu dovrai avvertirli da parte mia.” (Ez 33,7)

L’esortazione di Dio al profeta Ezechiele ci rende attenti ad un aspetto essenziale della vigilanza che spesso rischiamo di trascurare. La sentinella di Dio non è tanto colui che scruta ciò che accade o sopravviene, ma chi veglia nel silenzio per cogliere la parola che Dio rivolge al suo popolo. È una sentinella che veglia più con le orecchie che con gli occhi. (segue)