Menu Chiudi

Qualcosa sul Vietnam e Chiara da Assisi…

di Sr. Elena Francesca Beccaria

In un giorno di maggio dell’anno 2012 un decreto della Congregazione per i Religiosi mi raggiungeva nel monastero di Città della Pieve – il “mio” monastero, dove vivevo da 24 anni e dove ero sicura di continuare a vivere… – chiedendomi un trasferimento al monastero S. Chiara di Roma, in aiuto ad una comunità che stava lentamente declinando, in qualità di abbadessa amministratrice. Sorpresa, perplessità, timori… ma sono figlia di Chiara d’Assisi, che mi insegna ad essere “suddita e soggetta ai piedi della Chiesa cattolica”: dunque, ho detto il mio sì – e le mie sorelle con me –, in spirito di povertà e semplicità, confidando un pochino in quel briciolo di esperienza maturata negli anni di governo ricoperti nella mia comunità, tantissimo nella grazia e nella provvidenza di Dio.

Con me, compagne di quest’avventura, due giovani sorelle vietnamite, chiamate dal Ministro Generale, rimasto colpito, durante una sua visita, dalla vivacità e dalla serietà di vita delle loro comunità.

Vietnam: per me qualcosa di assolutamente lontano, estraneo e misterioso…

In una breve visita al monastero di Roma per prendere accordi rispetto al mio trasferimento, ci siamo conosciute. Un sorriso, uno sguardo reciproco affettuoso e accogliente: nulla di più, perché era impossibile qualsiasi altro scambio… non conoscevano altra lingua che il vietnamita! Il mistero non faceva che infittirsi: come ci parleremo, come ci capiremo, come potremo collaborare…?

Ho chiesto l’aiuto di una suora vietnamita che conosceva l’italiano, almeno per presentarmi e cercare di capire a mia volta qualcosa della loro storia, ma ho capito dalle loro reazioni che preferivano attendere di potermi parlare personalmente, che anzi, ci tenevano molto. Così sono iniziati i nostri incontri, con dizionario alla mano, buona volontà, pazienza… e un briciolo di senso dell’umorismo, che ai vietnamiti non manca.

È iniziata anche la collaborazione nella vita pratica: quale stupore nel verificare che facevano le cose come io aspettavo che le facessero, sebbene non sapessi come spiegarlo loro! Ho così concluso che la forma di vita di Chiara d’Assisi aveva attraversato senza problemi i continenti ed era arrivata in Vietnam così come la vivevamo in Europa. Se differenza c’era, era nella freschezza, nella generosità e nell’entusiasmo con cui la vivevano le mie due giovani sorelle.

E nello spirito di sacrificio: sfidate da una lingua che non comprendevano, da un clima a cui il fisico doveva adattarsi, da cibi che provocavano spesso reazioni avverse… eppure sempre sorridenti e disponibili. Un frate vietnamita una volta mi ha messo in guardia: “Verifica bene, perché sorridono, ma c’è il rischio che sia solo una facciata”. Falso! E l’ho capito quando una di loro mi ha chiesto di incontrarmi, per spiegarmi – sempre dizionario alla mano – che i primi giorni aveva avuto un’idea di me negativa, mi aveva giudicata male, per poi scoprire con gioia che si era sbagliata: chiedeva allora perdono per quel giudizio, che sebbene rimasto nel segreto del cuore, le pesava sulla coscienza. Mi sono resa conto che erano proprio abituate a vivere nella trasparenza, loro stesse mi dicevano che in Vietnam le revisioni di vita mensili sono improntate a grande schiettezza e sincerità: lì la comunità si verifica senza risparmio di colpi… e poi la vita riprende serena.

Sono passati quasi 10 anni.

Una di loro, la più giovane, ci ha lasciate qualche anno fa per aderire ad un progetto di aiuto al monastero di Casablanca, in Marocco: missionaria nell’animo, ha ritenuto conclusa la sua missione romana quando ha visto il coro popolato da giovani vocazioni e un futuro possibile per la comunità, e ha scelto di rimettersi in gioco, unica vietnamita, per tenere viva la luce di Chiara d’Assisi anche in quel contesto, caro alla tradizione dell’Ordine, perché luogo dove hanno versato il loro sangue i primi frati martiri, nel 1220. Ha singhiozzato dalla porta di clausura fino al check-in in aeroporto dal dispiacere di lasciarci: poi si è affidata al Signore ed è partita verso il gate senza voltarsi indietro.

L’altra ha scelto di restare a Roma, regalandoci il suo sguardo semplice e sereno sulle situazioni di vita che la comunità si trova ad affrontare. Con lei ho da poco visitato i monasteri del Vietnam, su invito del Ministro provinciale dei Frati Minori e come esigenza di restituzione di quanto ho ricevuto da quel popolo: e lì, tra quelle sorelle, ho respirato un’autenticità di carisma vissuto che mi ha davvero edificato e interrogato. I monasteri sono due, di 40 sorelle ciascuno, e stanno preparando 3 fondazioni: mentre noi ci confrontiamo con il problema delle chiusure, loro sono gravide di vita che nasce! Dovevo parlare loro di Chiara: così ho fatto, rendendomi conto che di fatto erano segnate da una povertà di conoscenza e di nozioni e che forse qualcosa potevo donare loro… ma consapevole che stavo a mia volta ricevendo molto nel vederle muoversi, ordinate e gioiose, dentro le loro giornate di preghiera, lavoro e fraternità.

E nella preghiera mi sono chiesta come tenere vivo uno scambio, interrogativo che a mio avviso travalica il discorso del solo nostro carisma clariano: come mettere in un dialogo fecondo la nostra ricchezza di pensiero occidentale, di studi e approfondimenti, di ricerche e sintesi, con la vivacità, la freschezza e insieme l’austerità di queste giovani Chiese? Il giorno in cui sono partita ho partecipato ad una messa parrocchiale. Era giorno feriale, di lunedì: alle 4.30 la chiesa gremita, un coro di giovani ragazze, i chierichetti intorno al parroco, dopo la Messa ognuno ha sfoderato il proprio breviario e il parroco ha guidato la celebrazione delle Lodi, quindi ciascuno ha iniziato la giornata, chi al lavoro, chi a scuola, non senza essersi prima salutati affettuosamente fuori dalla chiesa. Questo, mi dicevano, avviene ogni mattina: la giornata inizia lì, per grandi e piccoli, con Lui!

Ho ripreso l’aereo verso la mia Europa, con la sua fede stanca, la sua speranza pallida, la sua carità stiracchiata: in cuore il desiderio vivo di tornare, perché è la mia casa, la mia terra; ma insieme con l’urgenza di annunciare in qualche modo ciò che ho visto e udito… inizio a farlo da qui, con voi, sorelle che non conosco, ma che amo in Lui, perché so animate dal mio stesso desiderio di “fare di Cristo il cuore del mondo”! La Chiesa è in un percorso sinodale: credo proprio che solo “insieme” arriveremo a Lui, con il coraggio di metterci in dialogo con un diverso che va ascoltato con curiosità e affetto per poterne cogliere la bellezza.

Sottolineo: affetto. Una mia sorella vietnamita – quella della “confessione” – un giorno mi ha consegnato un biglietto con una frase con traduzione interlineare, che diceva: “Noi non ci possiamo parlare, ma da come mi guardi capisco che mi vuoi bene”. Forse gli ingredienti per un vero cammino sinodale sono più semplici e a portata di mano di quanto non pensiamo!

Sr. Elena Francesca Beccaria
Monastero S. Chiara – Roma

Visits: 16

Pubblicato il Riflessioni, Testimonianze

    Donazione detraibile fiscalmente per le opere della Fondazione Monasteri

    Il tuo nome e cognome *

    La tua email *

    Il tuo messaggio

    Importo della tua donazione (in euro)*

    Riceverai via email i dati del conto bancario dell'Associazione N.S. della Pace su cui effettuare il bonifico per la tua donazione detraibile fiscalmente a favore delle opere della Fondazione Monasteri.

    OPERA SAN PIO X

    Della società San Vincenzo De’ Paoli per l’assistenza dei monasteri di clausura

    Per aiuti ai monasteri

    Via XX Settembre, 23
    10121 Torino

    338 8714418 Antonio
    338 8304980 Daniele

    info@dalsilenzio.org

    www.dalsilenzio.org

    Il bollettino “Dal silenzio” comunica notizie dai monasteri e parole per le contemplative.

    CNEC

    Centro Nazionale Economi di Comunità

    www.cnec.it

    Il CNEC, associazione tra istituti religiosi ed ecclesiali, si propone di studiare e approfondire i problemi del servizio economale.
    Essa offre ai propri soci supporto tecnico amministrativo per una maggiore preparazione degli economi.

    L’associazione, inoltre, promuove la valorizzazione e la sostenibilità delle opere nate dai diversi carismi.

    Il CNEC stimola gli istituti religiosi alla collaborazione per la gestione e il futuro delle opere.

    Infine, si impegna a collaborare con le istituzioni preposte alla guida della vita consacrata (CEI – USMI – CISM),
    e con le altre associazioni che operano a favore degli istituti religiosi.