Menu Chiudi

SABATO DOPO LE CENERI

Lc 5, 27-32

“Non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori” ci dice il Signore nel vangelo di oggi, e poi aggiunge: “perché si convertano”. E così egli definisce le due fasi di ogni conversione autentica. Riconoscere che siamo peccatori richiede spesso molto tempo, perché non è tanto facile vedere la nostra realtà, le nostre resistenze, le nostre povertà. E poi, cominciare un vero cammino di conversione: cioè non scoraggiarsi di fronte alla propria fragilità, e ricominciare senza fine finché Dio faccia in noi ciò che la natura non riesce a cambiare.

Queste due fasi non si susseguono, sono simultanee. Perché riconoscere il proprio peccato significa desiderare cambiare. E desiderare cambiare  suppone di vedere la nostra imperfezione.

Dom Guillaume Jedrezjack

Allegati

File Dimensione del file
pdf Guillaume_20210220_QUA 75 KB
Posted in Omelie
Restiamo a disposizione degli aventi diritto sulle immagini pubblicate su questo sito, per le quali non ci è stato possibile risalire ai detentori del diritto d'Autore, per l'eventuale rimozione delle stesse se da loro richiesto.