Menu Chiudi

SABATO, II SETTIMANA DI QUARESIMA

Lc 15. 1.3.11-32

Parabola del figlio prodigo e del padre misericordioso

Nessuno dei due figli aveva capito chi era il Padre. Per l’uno, bastava sottomettersi come a un padrone, per l’altro bastava rifiutarlo come un tiranno. Per il primo, bisognava meritare, per il secondo, si doveva fuggire per vivere la propria vita. A queste due visioni false, sottomissione o trasgressione, Gesù oppone un’altra prospettiva: l’amore di un Padre. L’amore trasforma completamente la realtà perché cerca il bene dell’altro, senza mai disperare.

Spesso anche noi cadiamo in questi due atteggiamenti di fronte a dio: sottomissione o negazione. Amare è difficile, perché suppone sempre di rispettare il mistero dell’altro, il mistero nell’altro.

Dom Guillaume Jedrezjack

Allegati

File Dimensione del file
pdf Guillaume_20210306_QUA 77 KB
Posted in Omelie
Restiamo a disposizione degli aventi diritto sulle immagini pubblicate su questo sito, per le quali non ci è stato possibile risalire ai detentori del diritto d'Autore, per l'eventuale rimozione delle stesse se da loro richiesto.